Foggia secondo Ko. A Picerno finisce 3-0

Nel posticipo del lunedì sera, un Foggia incolore soccombe nuovamente per 2-0 al Curcio di Picerno ed è ferma ancora al palo dopo 2 giornate del campionato di calcio di serie C.

Longo si affida al collaudato 4-3- 3 con Esposito, Golfo e Reginaldo in prima linea. Boscaglia ritrova Nobile tra i pali e opta per l’innesto di Leo e Costa sugli esterni e con Vuthaj, davanti al trio dei fantasisti, Peralta, D’ Ursi e Schenetti, del suo 4-2-3-1. Ritmi subito alti in avvio.

Al 3′ è clamorosa la chance sciupata da Peralta che dopo assist di Vuthaj, con lo specchio di porta libero, nel cuore dell’area non angola e centra con la sua battuta il corpo del difensore appostato sulla linea. Il Foggia fa la partita ma si espone alle ripartenze lucane. Al 13′ Costa è provvidenziale in anticipo su Kouda. Dopo un paio di spunti di Vuthaj, il match si sblocca. Kouda, al 23′ imbuca centralmente per Reginaldo, che davanti a Nobile non sbaglia e porta in vantaggio l’ Az Picerno.

I rossoneri reagiscono e si vedono annullare un gol per offside al 26′. Gli ospiti sono frenetici nella ricerca del pareggio e non trovano soluzioni efficaci per servire efficacemente Vuthaj, soffrendo anche la scarsa vena di Petermann e Di Noia in mediana e si va al riposo sul punteggio di 1-0 per i locali.

La ripresa si apre con gli stessi effettivi ma il Foggia non riesce ad incidere ed anzi al 52′ subisce la rete del raddoppio di Esposito che trasforma impeccabilmente un penalty assegnato per fallo di mani di Malomo. Boscaglia prova a dare maggiore peso in attacco, inserendo Ogunseye per D’ Ursi. Vuthaj al 60’sfugge al controllo di De Franco e sottomisura timbra il palo alla destra di Crespi. Girandole di cambi per le due panchine. I padroni di casa si chiudono nella propria metà campo per contenere le folate foggiane, mai veramente pericolose. Al 79′ Petermann si rende insidioso di sinistro, su punizione dalla lunetta, palla a lato di poco. Il Foggia è proteso in avanti e Crespi è miracoloso su colpo di testa di Ognuseye all’82.Scampato il pericolo, i rossoblu giocano con il cronometro e proteggono il doppio vantaggio e anzi fanno tris al 90′ con Pitarresi su punizione, che sorprende Nobile, e fissa il tabellino finale. Giovedì 15 settembre, nel turno infrasettimanale, sarà obbligatorio battere la Virtus Francavilla per ridare respiro a tutto l’ambiente.

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: