Foggia vs Catanzaro: una brutta pagina di sport

Una brutta pagina di sport è stata quella andata in scena, nel posticipo della terzultima giornata del campionato di calcio di serie C, gir. C. Foggia- Catanzaro alla vigilia era un match che si presentava con tutti i crismi della grande sfida, tra due delle principali protagoniste dei prossimi play off, reduci da buoni momenti di forma e fortemente contrariate dall’esclusione assurda del Catania dal campionato, a tre turni dal termine con conseguente decurtazione di 6 punti in classifica per le due compagini. Sul terreno di gioco la superiorità dei calabresi si è palesata in 25 minuti di gioco. Dopo l’iniziale vantaggio di Curcio che ha illuso i satanelli, la risposta immediata di Iemmello e il raddoppio di Biasci hanno indirizzato l’incontro che si è definitivamente chiuso al termine della prima frazione, dopo l’espulsione di Sciacca e le marcature di Vandeputte e ancora Iemmello. Per la cronaca il match è terminato con il tennistico 2-6 a favore degli uomini di Vivarini, con i successivi sigilli di Biasci, Gatti e Garofalo.

La fredda cronaca passa in secondo piano per l’increscioso episodio avvenuto al 70°minuto, in occasione di un dubbio penalty concesso ai calabresi. Iemmello, ex Re, della tifoseria foggiana, è stato rincorso ed avvicinato pericolosamente da alcuni sostenitori, preventivamente bloccati dagli steward. Il centravanti ha rinunciato alla battuta e costretto ad uscire anzitempo dalla contesa. Un gesto che ha indignato i tanti calorosi tifosi foggiani, che si sono dissociati da tali manifestazioni. Foggia dopo penalizzazioni in classifica, punti tolti, maglie sudate su ogni campo e migliaia di km macinati, non merita tutto ciò.

Una serata totalmente da dimenticare che avrà sicuramente ripercussioni anche nelle decisioni del giudice sportivo e che pregiudica il finale di stagione e l’eventuale appendice promozione.

Ti potrebbe interessare anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: