Il Foggia con un gran secondo tempo batte la Fidelis Andria: 3-1 allo Zaccheria

Il Foggia, nella decima giornata del campionato di calcio di serie C, girone C, con un buon secondo tempo, rimonta l’iniziale svantaggio e batte per 3-1 la Fidelis Andria, conferma i progressi delle precedenti due partite, salendo a quota 11 punti in classifica.

Terza gara in una settimana per le compagini, entrambe reduci da risultati positivi. I rossoneri, 4 punti nelle ultime due, si schierano con il modulo 3-5-2, che vede Costa e Nicolao sugli esterni e D’Ursi con Ogunseye, in luogo dello squalificato Vuthaj, in avanti. Mister Cudini, risponde rinfoltendo la mediana e proponendo un 3-5-1-1 con Urso a supporto di Bolsius. Prima frazione avara di emozioni, con le squadre a lungo a studiarsi e con il match che si snoda soprattutto a centrocampo. I padroni di casa non trovano varchi per pungere, sia per la lenta circolazione di palla, sia per l’atteggiamento della Fidelis, brava a chiudere tutte le linee di passaggio. Cronaca con poche note sul taccuino. Al 14’ Sciacca di sinistro, palla alta sulla traversa. La falsa riga va avanti fino al 32’ quando all’improvviso i biancoazzurri trovano la giocata vincente. Bolsius va via sulla sinistra, mette dentro un pallone, su cui Malomo compie un disastro che favorisce Candellori. Il numero 18 ospite incrocia sul palo e insacca la palla del vantaggio. Petermann prova la reazione immediata, dai 30 metri ma la stoccata è alta. Ai dauni serve di più ma la chance del raddoppio è nei piedi di Bolsius, al 43’, che cincischia troppo nel dribbling e favorisce la respinta di piede di Nobile. Sul capovolgimento di fronte è D’Ursi che spreca da favorevole posizione. Al riposo è: Foggia- Fidelis Andria 0-1.

Foto Enzo Maizzi

Dagli spogliatoi esce un altro Foggia. In 19 minuti i rossoneri indirizzano con pieno merito il match. Al 47′, infatti, Rizzo realizza la rete del pareggio, correggendo al volto in porta, un cross sugli sviluppi di calcio d’angolo. Il gol galvanizza il Foggia e dopo soli 6 minuti, Nicolao sfrutta una bella azione di Ogunseye da sinistra e da due passi infila il portiere andriese. Urso su punizione prova ad arginare le folate rossonere, impegnando Nobile alla deviazione in angolo. L’inerzia del match, è ormai, saldamente nei piedi degli uomini di Gallo, che legittimano il risultato, al 64′. Petermann dal limite raccoglie un suggerimento di D’Ursi e a giro la mette laddove Zamarion non può arrivarci. Boato allo Zaccheria, per la prima rete, da applausi, del centrocampista foggiano. Girandola di cambi dalle due panchine. Le sortite offensive ospiti sono nulle, il Foggia controlla agevolmente fino al triplice fischio e incamera il terzo risultato utile consecutivo, che dà chiare indicazioni all’ambiente rossonero di una precisa svolta nel campionato.

Ti potrebbe interessare anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: