Il Manfredonia si riscatta: 2-0 all’ostico Mola

Nell’anticipo della 9°giornata del campionato di Eccellenza Pugliese, girone A, il Manfredonia torna alla vittoria, al comunale di San Ferdinando di Puglia, battendo per 2-0 l’ ostico U.S Mola. I sipontini colgono 3punti importanti e salgono a quota 22 punti in classifica.

Avvio contratto dei sipontini, oggi in maglia gialla, con i primi dieci minuti di studio tra le due squadre. Al 11′, Morra al primo affondo, si vede annullare la rete del vantaggio, per presunto offside, sugli sviluppi di calcio di punizione. Poco dopo, Chironi è attento in uscita bassa su un’ incursione di Doukoure. Ghiotta chance per Corvasce al 15′, che tutto solo davanti a Chironi, spara sui piedi dell’ estremo dauno e spreca l’occasione del vantaggio molese. Passato lo spavento, il Donia passa. Bel pallone calibrato di Giambuzzi dalla destra, perfetta torsione di Vito Morra di testa e sfera nell’angolino basso sul secondo palo. Il match è equilibrato e si gioca prevalentemente a centrocampo ma con il Manfredonia che,  sbloccato psicologicamente,  mostra una leggera supremazia territoriale. Al 37′, Montrone manda fuori di niente, di testa, la palla del raddoppio. Sull’azione successiva è prodigioso di nuovo Chironi, che nega il pareggio a Doukoure. Sul finire di frazione, Bellavista svirgola il rinvio e per poco non compie la frittata. Gran lancio di Montrone per Potenza al 45′, il cui pallonetto è buono nell’ intenzione ma risulta fuori misura nell’ esecuzione. È l’ultimo sussulto dei primi 47′ di gioco, con cui si va al riposo con il parziale che vede avanti il Manfredonia per 1-0.

Ripresa che inizia con gli stessi effettivi sul terreno di gioco. Lauriola al 4′ di testa, impegna Bellavista. Ci prova al 9′ Turitto, murato dalla retroguardia ospite. Doukoure è sgusciante e mette apprensione ai difensori garganici, che si salvano in un paio di circostanze. Al 12′, Souare scaglia un fendente dal limite, trovando ancora una volta i guantoni di un superlativo Chironi. Diagonale appena largo di Morra, al 18′. Il match è vivo ed in bilico, con il Donia che prova a sfondare sull’ out di destra, grazie alle sgroppate di Giambuzzi e Achik. Proprio su un cross proveniente da destra, il pallone finisce sulla testa di Potenza che da due passi spinge in rete, per il 2-0. De Candia rafforza gli ormeggi, inserendo Salvatore per Achik, al 25′. Il Mola alza il baricentro per tentare di riaprire la contesa ma gli esperti giocatori del Manfredonia non concedono praticamente nulla. I padroni di casa, sotto la spinta incessante degli indomabili ultras della Gradinata Est, controllano tutte le zone del campo, facendo scorrere il cronometro, senza patemi. Al tramonto della gara, Giambuzzi ci prova su punizione, sfera alta sulla traversa. Triplice fischio del signor Di Carlo di Pescara e Donia di nuovo in vetta solitaria, in attesa del completamento del turno e del risultato del Corato, altra capolista del girone.

Tabellini

Manfredonia: Chironi, Montrone, Lauriola, Biason, D’Aiello, Giambuzzi(45’st Lobosco), Potenza (27’st Gissi), Cirillo, Morra, Achik (25’st Salvatore), Turitto. All. De Candia

U.S. Mola: Bellavista, Ricucci, Manzari, Cantalice, Diagne, Zingrillo, Daniele(15’st Romanelli), Sisto, Souare, Doukoure, Corvasce(15’st Fasciano) All. Castelletti.

Reti: 22′ Morra (Ma), 22′ st Potenza (Ma)

Ammoniti: Daniele (Mo), Diagne (Mo), Giambuzzi (M)

Arbitro: sig. Di Carlo sez. Pescara

Assistenti: sigg. Lovecchio, Sibilio sez. Brindisi

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: