Manfredonia prosegue la sua marcia: 2-0 al San Severo.

Il Manfredonia, emigrato al Poli di Molfetta, per la perdurante indisponibilità dello stadio Miramare, nella settima giornata del campionato di Eccellenza Pugliese, girone A, regola meritatamente, il San Severo per 2-0, con un micidiale 1-2, nella seconda frazione di gioco, salendo a quota 19 punti in classifica, in vetta al girone in solitaria, con 5 lunghezze sul Bisceglie inopinatamente battuto in casa dal Borgorosso Molfetta.

Partenza propositiva dei sipontini, che già spingono, dai primi minuti di gioco . Al 3′ veloce ripartenza biancoceleste con Gissi, che anziché servire l’accorrente Lattanzio preferisce tirare in porta, palla sbilenca e fuori misura. 60 secondi dopo, è Giambuzzi a girare debolmente verso lo specchio, Carella para senza problemi. La chance più ghiotta è all’8′. Lobosco mette una pericolosa palla in mezzo che nessuno corregge in rete, sugli sviluppi della quale, Biason coglie la traversa con un pregevole piazzato. Gli uomini di De Candia continuano la pressione nella trequarti avversaria alla ricerca del vantaggio, con Potenza e Giambuzzi a creare superiorità sugli esterni. I giallogranata provano un veloce blitz, al 15′, sull’asse Rubino- Vita ma Coletta è bravo in uscita bassa. Potenza ci prova al volo, Carella respinge in angolo. Giambuzzi al 30′ non sfrutta la spizzata di Gissi e spara alto sulla traversa. Poco dopo è Lattanzio che da due passi vanifica un fortunoso assist di Lobosco e spreca clamorosamente la grande opportunità. Lattanzio è ancora protagonista in negativo, al 39′, in tuffo, nell’area piccola, di testa non inquadra lo specchio della porta, su preciso cross di Biason. I giallogranata si rendono pericolosi con Siclari, al 41′, il cui tiro, a giro, termina a lato. Duplice fischio del direttore di gara e squadre al riposo sullo 0-0.

Ripresa con gli stessi effettivi sul terreno di gioco. Inizio di secondo tempo con gli uomini di Rufini che provano ad alzare il baricentro. Punizione dalla lunetta di Trotta, pallone alto. Il Manfredonia riprende campo e pallino d gioco. De Candia manda forze fresche in campo, tra cui Morra e Turitto. Achik protesta per un presunto contatto. Gli ospiti si fanno vivi con C.Morra e Cannarozzi. Grande palla- gol per i padroni di casa, al 68′ con Potenza, che incorna da posizione favorevole, e spedisce alto. I sipontini vedono premiati i loro sforzi, al 74′. Potenza va via sulla fascia sinistra, assist a Turitto, piattone in buca d’angolo e dauni in vantaggio. Morra sfiora il raddoppio, zuccata fuori di poco. Cannarozzi scheggia il palo per gli ospiti e sul contropiede successivo, coast to coast di Achik, al 77′, che si fa tutto il campo con la palla al piede e realizza un gran gol. 0-2. Coletta dice di no a Morra e mantiene l’inviolabilità. Il match è chiaramente indirizzato e si assiste ad ulteriori sostituzioni dalle due panchine. Dinielli si fa ipnotizzare da Carella sottomisura. Il Donia controlla fino al termine e incamera altri tre punti pesanti in chiave campionato.

Tabellini:

Manfredonia 1932: Coletta, Montrone (87’Dinielli), Lauriola, Biason, D’Aiello, Lobosco(64’Turitto), Giambuzzi, Fiorentino (79’Salvatore), Gissi (64’Morra), Lattanzio (57’Achik), Potenza. All. De Candia.

San Severo: Carella, Priore(51’Cannarozzi) Caruso, Morra A., Colangione, Trotta (Martignetti, Camporeale), Salvemini, Morra C., Siclari(68’Fantasia) De Vita(51’Casella), Rubino. All. Rufini

Reti: 73′ Turitto (M), 77’Achik (M)

Ammoniti: Lobosco (M), Morra A. (S), Montrone (M)

Arbitro: sig. P. Cipriani sez. Molfetta

Assistenti: sigg. P.Calabrese, A.Loconte sez.Bari

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: