Podismo: 4ª “Re Manfredi Run”, la competizione della “ripartenza” in onore di Genny Quitadamo.

Questa mattina, dopo un anno di pausa forzata dovuta all’attuale situazione emergenziale, si è svolta a Manfredonia la quarta edizione della “Re Manfredi Run”, manifestazione podistica su strada lunga km 10 (percorso omologato FIDAL).

Tra gli uomini si è imposto, con il tempo di 32’50”, il forte top runner montanaro Matteo Pio Notarangelo (Dynamyk Fitness), seguito a meno di un minuto dall’enfant du pays Francesco Calò (Athletic Academy Bari), non ancora maggiorenne ma già altamente competitivo nella corsa e non solo. E’ stata invece l’azzurra Veronica Inglese (C.S. Esercito), originaria della vicina Barletta, a giungere prima tra le donne, facendo letteralmente il vuoto con uno score di 35’40”.   

Al di là del risultato agonistico, l’evento, egregiamente organizzato come da tradizione dalla locale A.S.D. Manfredonia Corre, ha rappresentato un vero e proprio punto di ripartenza per tanti podisti amatori, bloccati da oltre un anno per via della pandemia.

Quasi cinquecento sono stati gli atleti, provenienti da tutta la Regione e non solo, che hanno tagliato il traguardo, i quali hanno principalmente preso parte a questa gara per incontrarsi e per aggregarsi, dopo tantissimo tempo, con tanti amici vicini e lontani in nome della passione per lo sport.  

Davvero brillante, infine, è stata l’idea degli organizzatori di far disputare sulla stessa distanza una competizione non competitiva in memoria dell’indimenticata Genny Quitadamo, che qualche tempo fa ci ha prematuramente lasciato, dando così la possibilità a numerosi atleti senza certificato di poter partecipare a questa bella festa sportiva.

All’appuntamento sono stati ammessi esclusivamente atleti e amatori muniti di green pass e solamente dopo aver superato i controlli previsti dal protocollo vigente.

P.G.

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: