US Open: Serena si ritira, gli italiani avanti nel tabellone

US OPEN, 3° turno.
Sull’Arthur Ashe Stadium, per i non addetti ai lavori lo stadio più grande al mondo (oltre 20000 posti), Matteo Berrettini supera con non poca fatica il Campione 2012 Andy Murray, raggiungendo così gli ottavi. Due conferme da questo match: lo Scozzese non tornerà più ai fasti di un tempo per via dei noti acciacchi, ma si ostina coraggiosamente e dignitosamente a lottare ancora, nonostante tutto, mentre The Hammer non é al top in uno sventurato 2022, trascorso tra letti d’ospedale, isolamento da Covid e reiterati stop e ripartenze!
Nella notte italiana supera piuttosto agevolmente i sedicesimi anche Jannik Sinner (3-6 6-4 6-1 6-2 vs Nakashima) e adesso se la vedrà con il Bielorusso Ivanshka, giustiziere proprio nella giornata di ieri del nostro Lorenzo Musetti (6-4 3-6 6-2 6-3). Il Toscano ci ha provato invano contro un avversario in fiducia e lo conferma il brillante risultato conseguito nel precedente round, in cui a farne le spese era stato il più quotato Hurkacz.
Questo turno verrà ricordato in eterno per l’ultimo incontro disputato da una delle tenniste più forti della storia: 7 Wimbledon e 7 AO, 6 US Open, 3 RG, 5 WTA Finals, un oro olimpico nel singolare, nonché 14 Major e tre ori olimpici in coppia con la sorella Venus, più una Fed Cup con gli USA é lo straordinario bottino accumulato da THE QUEEN, al secolo Serena Williams, capace di stravolgere questo gioco con una potenza ed un’aggressivitá inaudite e mai viste prima! A quasi 41 anni giunge purtroppo il suo annunciato congedo davanti ad un pubblico di casa commosso ed incredulo. L’ex girlfriend di Berrettini, l’Australiana Ajla Tomljanović, la sua ultima avversaria.

P.G.

Ti potrebbe interessare anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: